La Chiave Che Ti Manca

  • Allineamento tra conscio e inconscio

  • Potenziamento dell’energia

  • Produzione di karma positivo

  • Periodo della giornata adatto per chiedere

Questi argomenti sono descritti nel manuale pratico scaricabile gratuitamente iscrivendoti nel BOX in Home Page.

Blocchi da rimuovere

  • Blocco religioso

  • Blocco scettico

  • Blocco mentale

Blocco religioso

Non c’è molto da dire sulle religioni, basta ragionare su alcuni concetti.

Il termine religione deriva dal latino relìgio, ma l’etimologia non è del tutto chiara.

Tesi ciceroniana – dal latino relegĕre composto dal prefisso re-  che indica frequenza + legĕre =scegliere ed in senso lato, cercare, guardare con attenzione, avere riguardo, avere cura.

Tesi lattanziana – dal latino religāre, composto dal prefisso re-, intensivo + ligāre =  unire insieme, legare.

Tesi agostiniana – dal latino religĕre composto dal prefisso re-, intensivo + ēlĭgĕre = scegliere.

Le tre tesi sembrano completarsi a vicenda.

Invece di cercare, scegliere e unire, quello che possiamo osservare, è che le religioni separino gli individui. I credenti si ritrovano in luoghi di culto diversi, ognuno sostiene che la propria religione sia la giusta, e che sia l’unica verità, escludendo tutte le alte.

In nome delle religioni sono state fatte guerre e si continua a farle. Le religioni controllano le persone con la paura infondendo sensi di colpa.

La parola Dio, deriva dalla radice etimologica ariana div- che indica la luce, ciò che splende. Da cui il latino Deus = Dio, dies = giorno cioè la parte della giornata caratterizzata dalla luce.

Se Dio esistesse, e seguisse la logica descritta nei vari libri antichi, vorrebbe l’unione di tutti gli individui del mondo, e che l’un l’altro donasse amore incondizionato. Le religioni fanno esattamente il contrario esaltando la propria e denigrando le altre.

Abbiamo giudicato Dio, abbiamo preteso che avesse un nome, e non ci siamo mai chiesti se siamo noi fatti a sua immagine e somiglianza oppure siamo noi che gli abbiamo attribuito la nostra immagine e la nostra somiglianza.

Dare un giudizio significa sottoporre qualcuno a valutazione, e noi gli abbiamo attribuito degli aggettivi. Dio è buono, Dio è misericordioso, Dio è giusto, Dio è ingiusto, Dio è amore, Dio è … In questo modo abbiamo espresso un giudizio su qualcosa o qualcuno che non conosciamo.

Per capire cos’è Dio, quale è la religione giusta e soprattutto se Dio esiste, è sufficiente stare in silenzio con se stessi, e si capirà che:

  1. Dio è.
  2. Se la tua religione ti lega ad essa con la paura, che è l’antitesi dell’amore, allora non è la religione giusta. Considera che hai tutto quello che serve per iniziare il tuo cammino spirituale autonomamente.
  3. Osserva e ascolta la perfezione della natura, cogli il suo equilibrio in ogni cosa, e poi decidi tu se accettare la sua esistenza oppure no. Diventa libero/a di credere, di accettare la sua esistenza oppure no, e non imporlo agli altri.

Se può aiutarti a vedere la direzione giusta, prova a considerare i testi sacri. La Bibbia e il Corano, se letti e interpretati letteralmente, sono libri violenti, narrano omicidi, guerre, stragi e distruzioni. Le religioni portano la pace con libri violenti, non è molto coerente, allora si potrebbe dedurre che questa interpretazione induce paura e favorisce la manipolazione dei fedeli. Se invece leggiamo questi e anche altri testi sacri con una chiave di lettura diversa, ci accorgeremo che si rifanno tutti allo stesso concetto. La chiave di lettura che ha coerenza è di non interpretare alla lettera i racconti, perché non parlano dell’esteriorità, ma si riferiscono al nostro percorso interiore, il Sè e l’ego. Non andare contro Dio, Allah, Buddah, Geova, Yahweh ecc. significa non andare contro te stesso/a, alla parte Divina che c’è in te. Ogni tentativo di ostacolare il volere della nostro Sé, ci condurrà a dolori e sofferenze. Le leggi universali non sono eludibili, non sono condizionabili e non possono essere ingannate.

Blocco scettico

Se vivi nell’incertezza e nel dubbio, allora ti sarà difficile iniziare il percorso verso i tuoi obiettivi, perché passerai la vita cercando certezze e prove scientifiche che forse la scienza in questo momento non è in grado di darti. Vedrai complotti dappertutto, e scambierai le persone che non la pensano come te, per degli idioti.

Blocco mentale

La barriera che ci blocca nell’andare avanti verso i nostri obiettivi, siamo noi stessi. Nello specifico sono i nostri blocchi mentali.